Da 0 a 100.000

Cinque cose utili per fare una buona impressione (Parte I) – Appunti di un giovane imprenditore

Facebook
LinkedIn

Stai finalmente per incontrare quella persona: ci sei! E sai bene, (perché hai letto e ripetuto trentasei volte tutti gli articoli scritti da Me medesimo) che ora ti giochi tutto: la prima impressione, quei primi cinque secondi, saranno fondamentali. Quella persona si farà un’idea di te che sarà difficilissima poi da cancellare. In così poco tempo ti giochi tutto (o quasi).

Vale la pena quindi di prepararti, che ne dici?

Ecco a te la prima delle cinque cose utili da fare per fare buona impressione.

Per questo suggerimento mischieremo un po’ di saggezza militare cinese, un po’ di PNL ed un po’ di buon senso.

Il buon Sun Tzu è stato il più grande generale militare che la Cina abbia mai conosciuto fino ad oggi. Nella suo trattato “l’arte della guerra” ci dice senza mezzi termini: studia il “campo di battaglia”.

Tzu scrive: “Il generale vincitore, prima che venga combattuta una battaglia, fa molte riflessioni nella sua tenda.” E continua con: “Conosci il nemico come conosci te stesso. Se farai così, anche in mezzo a cento battaglie non ti troverai mai in pericolo”.

Ecco no, tranquilli. Tzu esagerava. Nessun pericolo. Però partiamo da un presupposto: se stai pensando a come fare “bella figura” allora diciamocelo, probabilmente per te l’incontro che stai per avere è davvero importante.

Converrai con me quindi che impiegare del tempo per conoscere “il terreno” così come ci dice Tzu può essere una buona idea.

Bene, allora chiediti: Chi sto per incontrare? Dove lo sto per incontrare? Come si veste? Come ragiona? Cosa gli piace? Quali sono i suoi valori? Solitamente, proprio per un effetto legato al “Thin Slicing” (del quale parlo nell’articolo precedente), siamo naturalmente attratti dalle persone simili a noi. Simile a noi per il nostro cervello vuol dire “conosciuto” e “non pericoloso”.

Facciamo un esempio. Mettiamo che vogliate intraprendere la carriera… che so!Da tatuatore. Ecco. Sapete disegnare bene, avete fantasia ed avete portato i vostri disegni migliori tutti belli ordinati dentro una cartellina.

Da quel colloquio volete uscire con un “bene, inizi domani”. Come vi presentate?

Ok diciamo subito che potrebbe essere una bella idea quella di presentarsi puliti ed ordinati.

Ecco diciamo che essere puliti ed ordinati potrebbe essere una bella idea sempre. Comunque continuiamo.

Avete qualche tatuaggio addosso?

Bene questo è il momento di mostrarlo. Indossate qualcosa che lo metta ben in risalto.

Non che i tatuatori debbano sempre stare mezzi nudi eh…ma diciamo che in quest’occasione mostrare quel capolavoro di cui andiamo tanto fieri può essere una bella idea. Potrebbe darci ad esempio un argomento di conversazione a noi agevole. Oppure potrebbe essere l’inizio di una bella conversazione nella quale trovare punti in comune col nostro interlocutore.

In generale, usare quello che in PNL viene chiamato letteralmente “effetto specchio” è sempre una buona idea quando vogliamo fare una buona impressione.

La seconda cosa da fare per fare una buona impressione è… ehi ehi, aspetta! Questo pezzo è finito. Della “seconda cosa” giuro, te ne parlo nel prossimo articolo 😉.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *